profili-logo-extended
info@profilicaffe.it
Via girolamo vitelli, 17
00167 Roma
Image Alt

Caffè Profili

IL CAFFE’ SOSPESO

Il caffè sospeso è un gesto solidale e filantropico fatto da qualcuno che entrava all’interno di un bar con uno stato d’animo molto felice e gioioso.

Proprio grazie a questo suo stato d’animo, egli decideva di prendersi un caffè e pagare sia la sua consumazione, sia quella che sarebbe avvenuta dopo di lui: aggiungendo i soldi necessari per pagare un’altra tazza di caffè. Praticamente, in poche parole, veniva offerto il caffè ad uno sconosciuto che sarebbe entrato nel locale dopo di lui. Se la persona arrivata successivamente avesse chiesto la presenza di un caffè sospeso, questo sarebbe andato certamente a lui, altrimenti a chiunque ne avesse chiesto la presenza.

Questa usanza davvero positiva è andata via via affermandosi in tutta Italia, anche a causa della forte crisi economica.

Questa tradizione è nata a causa delle discussioni che si instauravano al momento del conto, quando si era al bar con un gruppo di amici o conoscenti. L’incertezza su chi doveva pagare le consumazioni portava spesso a pagare un caffè in più di quello che si era bevuto. A quel punto non si chiedevano più i soldi indietro ma venivano lasciati li a beneficio di chi sarebbe arrivato dopo. Uno scrittore ha addirittura deciso di scrivere un vero e proprio libro su questa tradizione. Il suo titolo è “Il caffè sospeso. Saggezza quotidiana in piccoli sorsi”, ed è stato scritto da Luciano De Crescenzo.

Sempre più persone decidono di diventare, tutti i giorni, ambasciatori di questa fantastica tradizione, proponendola ovunque essi vanno e mettendola in pratica loro prima di tutto.

Come? Basta pronunciare una semplice frase: “Due caffè per favore, uno per me e uno sospeso”. Se il barista è troppo giovane per capire il significato allora essi glielo spiegano più che volentieri, sperando che anch’esso diventi un ambasciatore.

Molti di questi volontari fanno parte della Onlus 1 caffè.

Post a Comment